• Paradiso di Barchi
  • Paradiso di Barchi
  • Paradiso di Barchi
  • Paradiso di Barchi
  • Paradiso di Barchi
  • Paradiso di Barchi
Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)
il Parco Nazionale del Circeo

airone-800Istituito nel 1934, il Parco del Circeo è nato per tutelare non una singola specie ma un ricco insieme di biomi (associazioni di piante ed animali coesistenti determinata ed influenzata da fattori ambientali) caratteristici con una conseguente estrema ricchezza di specie oggi definita come biodiversità.

La Foresta

Oggi indicata come "Selva di Circe", costituisce a livello nazionale l'unico esempio di foresta planiziaria (= di pianura) con vegetazione naturale dominata dalla presenza di querce caducifoglie; per le caratteristiche geomorfologiche del territorio su cui vegeta, una vecchia duna costiera consolidatasi nel corso dei tempi, presenta ancora oggi, nonostante la bonifica idraulica, ampie aree, denominate "piscine", stagionalmente inondate dalle acque meteoriche. L'unicità di tale ambiente ne ha determinato l'inclusione (1977) nella rete delle Riserve della Biosfera del Programma UNESCO M.A.B. (Man and Biosphere).

Il Promontorio del Circeo

vistapromontorioRilievo calcareo che si spinge sino a 541 mt. slm, è senza alcun dubbio l'elemento paesistico più caratterizzante dell'intera area pontina: il suo versante interno, detto "quarto freddo", ospita una fitta foresta termofila, mentre sul versante opposto, il "quarto caldo", esposto a sud e posto a ridosso del mare, le condizioni ambientali più "estreme" determinano una vegetazione mediterranea meno rigogliosa e poco esigente con specie alofile pioniere (resistenti a salsedine, siccità ed alte temperature), gariga, bassa ed alta macchia. La presenza, diffusa ed a più livelli nel versante a mare, di numerose grotte, rende tale ambiente di particolare interesse geo-speleologico e, per i numerosi reperti rinvenuti, anche di rilevante interesse preistorico.

La duna litoranea

Lungo la costa, dalle falde del promontorio e per circa 25 Km verso nord sino alla località di Capo Portiere, si sviluppa la Duna Litoranea, un ambiente geologicamente e vegetazionalmente assai delicato costituito da una successione continua di rilievi sabbiosi con una larghezza media di 250 mt; anche in questo caso si distinguono un versante lato mare, meno protetto, con vegetazione pioniera alofila, ed un versante interno, protetto dal vento di mare carico di salsedine, che ospita bassa ed alta macchia mediterranea.

Le zone umide

Parallelamente alla duna ed a ridosso di essa si sviluppa un ambiente umido costituito da una successione di quattro Laghi Costieri (Lago di Paola o di Sabaudia, Lago di Caprolace, Lago dei Monaci e Lago di Fogliano) e di Zone Umide, stagionalmente allagate, che, insieme ai prati-pascoli interclusi, formano un complesso territoriale dichiarato "Zona Umida di Interesse Internazionale" ai sensi della Convenzione di Ramsar (Iran 1971): le lagune salmastre e le aree stagionalmente impaludate da acqua dolce offrono infatti un ambiente particolarmente idoneo per le varie esigenze di sosta, svernamento o nidificazione di numerosissime specie dell'avifauna migratoria.

L'Isola di Zannone

isolazanoneL'Isola di Zannone, appendice insulare del Parco del Circeo (dal 1979), appartiene geograficamente al gruppo occidentale delle isole pontine (Ponza, Gavi, Palmarola) che insieme a Ventotene e Santo Stefano costituiscono l'Arcipelago delle Isole Ponziane; anche se di piccola estensione, 100 Ha circa, presenta, oltre ad interessanti endemismi floristici e faunistici, una copertura vegetale di tipo mediterraneo particolarmente rigogliosa e ben conservata anche per la storica limitata presenza antropica con conseguente minima manomissione del suo territorio. Anch'essa, per la sua posizione geografica e per l'ambiente tranquillo ed incontaminato che offre, costituisce un punto di riferimento fondamentale per l'avifauna migratoria.

Villa Fogliano

L'area del Borgo di Fogliano, sulle rive dell'omonimo lago, si trova nel settore settentrionale del parco, nel territorio del comune di Latina.
La sua rilevanza non è solo naturalistica, ma anche storica ed architettonica: in questa zono sono stati rinvenuti raschiatoi, punte di freccia, ed altre tracce della presenza dell'uomo a partire dalla preistoria.
I Romani realizzarono importanti opere di bonifica, trasformandola in un centro di allevamento e pesca, costruendo piscine e canali per sfruttare al meglio le richezze del lago.

La villa di Domiziano

villadomizianoUn centinaio sono, forse, le presenze archeologiche segnalate ed individuate nell'area del parco.
Esse ci consentono di avere una discreta conoscenza degli insediamenti di età romana gravitanti attorno al promontorio del Circeo.
Antihi tracciati stradali, impianti urbanistici e difensivi, la stessa Circeii, costruzioni di carattere religioso e civile, necropoli, la zona portuale di Torre Paola, il complesso delle ville lungo le sponde del lago di Sabaudia, la Villa imperiale di Domiziano, i resti della zona del Borgo di Fogliano e dell'isola di Zannone rappresentano un patrimonio storico peculiare del Parco del Circeo.